Un convoglio da 60 tonnellate: con il suo nuovo Actros 2563 Nord-Schrott può soddisfare qualsiasi esigenza

Economia & Logistica

Il tour XXL.

Nord-Schrott commercializza in tutto il mondo i metalli che ricicla. L’azienda di Flensburg rifornisce le fonderie in Scandinavia con mega truck di 60 tonnellate. Il Nuovo Actros è contemporaneamente un cavallo da tiro e un ambasciatore del marchio.


Un mercoledì mattina, a meno di dieci chilometri dal confine danese: l’azienda Nord-Schrott ha la sede centrale a Flensburg, vicino all’autostrada federale 200, e altre due sedi. Una pala caricatrice scarica in un container scarrabile l’alluminio triturato prelevato da bunker pieni. I pellet scintillanti tintinnano nel contenitore verniciato di blu. Un container contiene dieci pale, tre di esse verranno portate in Svezia dal conducente Maik Jacobsen con il suo Nuovo Actros 2563, per il riciclaggio in una fonderia. Il viaggio durerà un giorno e mezzo per un tragitto di quasi 1 000 chilometri.

Ma prima di tutto deve essere eseguita una procedura complicata, che riguarda le restrizioni di lunghezza e peso per gli autocarri in Germania: Jacobsen sistema due container con il gancio del ponte di carico Meiller del suo Actros su un semirimorchio in attesa. Quindi da l’ok per partire al suo collega che con un trattore ha aspettato il semirimorchio. Jacobsen stesso prende a bordo il terzo container, aggancia un altro cosiddetto dolly della casa automobilistica danese HFR e parte, proprio come il suo collega con l’autoarticolato, alla volta di Padborg, a dodici chilometri di distanza. La città si trova sul lato danese, dove il conducente di Nord-Schrott è autorizzato a mettere il semirimorchio, portato dal suo collega, sul suo dolly. Risultato: ora il gigaliner di Jacobsen è lì in tutta la sua grandezza, lunghezza 25,25 metri, peso 60 tonnellate, con a bordo tre container scarrabili a pieno carico.



Nel frattempo gli autocarri così lunghi sono consentiti su molte tratte anche in Germania, ma solo fino a 44 tonnellate di peso totale. Nord-Schrott, tuttavia, ha bisogno di ben 15 tonnellate in più di peso totale ammissibile, e ciò non rappresenta un problema in Danimarca e Svezia. “Noi non vogliamo immischiarci nel dibattito dell’opinione pubblica tedesca sulla politica dei trasporti su complessi veicolari extralunghi”, afferma l’amministratore di Nord-Schrott Georg Müller. “Ma, sul territorio tedesco, i nostri gigaliner viaggerebbero solo fino alla prossima uscita dell’autostrada. Dal punto di vista dei costi e dell’ambiente, sarebbe utile avere un’autorizzazione speciale. “Tuttavia, le autorità non vogliono creare un precedente, e quindi Nord-Schrott assembla con solerzia due volte a settimana i suoi tre gigaliner in viaggio per la Svezia, solo una volta che si trovano nel lato danese.


Disponibile 24/7: Il responsabile della flotta, Matthias Arens, si affida al Nuovo Actros non solo per quanto riguarda i veicoli extralunghi.


La flotta dello stabilimento porta flessibilità.

Nord-Schrott non è un comune rivenditore di rottami ed è felice di fare uno “sforzo in più” per i suoi clienti. L’azienda, nota agli appassionati di pallamano come sponsor della maglia del tre volte campione tedesco e vincitore della Champions League SG Flensburg-Handewitt, non si occupa solo di raccogliere i rottami in tutta Europa e di selezionarli per un ulteriore riciclaggio, ma prepara i metalli con macchine enormi e vari processi e li commercializza in Europa, India e Cina.

Nord-Schrott si è specializzata nei cosiddetti metalli non ferrosi come alluminio, acciaio inossidabile, rame e ottone. NE significa “non ferrosi”. Vengono commercializzate molte dozzine di tipi e qualità. I clienti sono principalmente fonderie e altri commercianti di metalli. Diverse certificazioni, una rigorosa gestione della qualità e un laboratorio chimico interno per le prove metallurgiche sono sinonimo dell’efficienza di questo gruppo aziendale con più di 300 collaboratori.

Un’altra garanzia per il successo di Nord-Schrott è la flotta dello stabilimento. Vengono impiegati circa 25 autocarri di proprietà, la maggior parte dei quali porta la stella Mercedes. “Naturalmente lavoriamo anche con fornitori di servizi che guidano circa la metà dei nostri trasporti”, spiega il responsabile della flotta, Matthias Arens. “Ma la flotta dello stabilimento ci offre la flessibilità necessaria che ci garantisce di essere pronti per i nostri clienti 24 ore su 24”.


10 tonnellate per contenitore: Nel centro di riciclaggio di Flensburg, una pala caricatrice carica i container scarrabili prima del viaggio alla volta della Svezia.
10 tonnellate per contenitore: Nel centro di riciclaggio di Flensburg, una pala caricatrice carica i container scarrabili prima del viaggio alla volta della Svezia.
Dolly nel bagaglio: Questo componente a due assi, del produttore danese HFR, costituisce il pezzo centrale dei gigaliner e incorpora il semirimorchio con due container.
Dolly nel bagaglio: Questo componente a due assi, del produttore danese HFR, costituisce il pezzo centrale dei gigaliner e incorpora il semirimorchio con due container.
In Danimarca si cambia: I container devono essere trasportati da due autocarri sul lato danese dove sono ammessi gigaliner da 60 tonnellate su percorsi selezionati.
In Danimarca si cambia: I container devono essere trasportati da due autocarri sul lato danese dove sono ammessi gigaliner da 60 tonnellate su percorsi selezionati.
Il serpentone: Il camion XXL misura 25,25 metri e può quindi trasportare tre container scarrabili per tour.
Il serpentone: Il camion XXL misura 25,25 metri e può quindi trasportare tre container scarrabili per tour.

I trasporti XXL verso la Svezia vengono effettuati solo dagli autocarri Nord-Schrott. Già da dieci anni, le fonderie scandinave di Flensburg forniscono i prodotti lavorati da loro. A loro volta, vengono caricati i rottami che gli autisti raccolgono da vari fornitori scandinavi. Da alcuni mesi, i veicoli del tipo Nuovo Actros effettuano i trasporti.

“Da Nord-Schrott lo spirito di innovazione è una tradizione”, afferma Georg Müller. Garante di questo è il fondatore Michael Lassen che ha reso grande l’azienda in più di quattro decenni. Da Nord-Schrott, per esempio, lo smistamento, la triturazione e la lavorazione sono altamente automatizzati tramite macchinari che i team dell’azienda hanno sviluppato in modo intensivo. Il Nuovo Actros si inserisce in questa filosofia. Müller, laureato in economia aziendale, spiega ulteriormente: “MirrorCam, Multimedia Cockpit, Predictive Powertrain Control e Active Brake Assist 5 – il Nuovo Actros ha a bordo tutta una serie di tecnologie innovative che ci aiutano ad aumentare l’efficienza e la sicurezza dei trasporti”.


Tra giganti: Il gigaliner da 60 tonnellate di Nord-Schrott passa lo “Storebæltsbroen” che, con una campata principale di 1 624 metri, è il ponte sospeso più lungo d’Europa.
Tra giganti: Il gigaliner da 60 tonnellate di Nord-Schrott passa lo “Storebæltsbroen” che, con una campata principale di 1 624 metri, è il ponte sospeso più lungo d’Europa.

“Da Nord-Schrott lo spirito di innovazione è una tradizione.”

Georg Müller


E vi è un’altra ragione per cui per Nord-Schrott è importante che la propria flotta soddisfi gli standard più moderni, chiarisce Müller: “In qualità di commercianti di rottami metallici, abbiamo poche opportunità di dimostrare all’opinione pubblica che i più alti standard di qualità sono importanti per noi. Con il Nuovo Actros, che è in viaggio in tutta Europa, possiamo fare qualcosa per la nostra reputazione in quanto funge da ambasciatore dei nostri valori aziendali”.

Controllo della qualità tramite analizzatore.

Mentre Maik Jacobsen parte per il suo tour da Padborg alla volta del Nord con il suo Nuovo Actros XXL, le attività di Nord-Schrott continuano senza sosta nelle tre sedi di Flensburg: operatori con gli analizzatori controllano costantemente le leghe dei rottami metallici consegnati. Gli escavatori con le grandi benne mordenti smistano i diversi metalli incredibilmente sottili. Gli enormi trituratori eseguono il loro inesorabile lavoro di frantumazione. E molti altri impianti di smistamento producono rottami metallici in base alla tipologia.



Nel frattempo Jacobsen raggiunge con il suo Actros XXL il ponte sul Grande Belt. L’imponente struttura, lunga 14 chilometri, collega le principali isole danesi di Fionia e Selandia. Per consentire alle grandi navi di superare il Belt, nella parte orientale della traversata è stato costruito il ponte sospeso più lungo d’Europa, con una lunghezza di 2 694 metri e una campata principale di 1 624 metri. Nonostante il suo impressionante peso complessivo di 60 tonnellate, l’Actros di Jacobsen percorre con facilità a 80 km/h la salita del ponte sospeso. Il conducente è orgoglioso di avere la motorizzazione di punta a bordo.

Naturalmente, anche il modello precedente era potente. Ma ora c’è il Nuovo Actros. Ciò che piace di più a Jacobsen è il sistema intelligente di comando del Tempomat e del cambio, il Predictive Powertrain Control, che ora può essere utilizzato anche nei tracciati extra-urbani. “Questo sistema mi aiuta in modo particolare sulle strade provinciali svedesi”, riferisce. “Esso riconosce con tempestività l’arrivo di un cartello che segnala l’ingresso in un centro abitato, e decelera. Quando mi allontano dal centro abitato, l’autocarro accelera nuovamente fino alla velocità impostata – semplicemente geniale!”.

Il conducente di Nord-Schrott adora i tour attraverso la Danimarca e la Svezia “per la fantastica vista sul Mar Baltico. Perché non ci sono quasi mai ingorghi. E anche perché incontro molte persone gioviali con cui posso parlare danese”. L’unica cosa di cui anche Jacobsen farebbe volentieri a meno è l’elaborato assemblaggio del trattore prima dell’inizio del tour.

www.nord-schrott.de


Fotos: Christoph Börries
Video: Martin Schneider-Lau

36 commenti