4-Xtremes – Parte 28: una storia lunga secoli e una perdita nel boiler

Serie: 4-Xtremes – The World Tour

Destinazione Balcani.

Una visita da parte di amici e una perdita nel boiler costringono Andrea e Mike a trattenersi in Italia più del previsto. Manca ancora una tappa in Slovenia – dopodiché i nostri esploratori potranno godersi le ampie distese ungheresi.

A due passi: Andrea e Mike si accampano nel parcheggio di Villa Manin.


Rispetto ai nostri standard, in Italia abbiamo trascorso un periodo di tempo piuttosto lungo – dopotutto siamo rimasti qui due mesi. Ci hanno trattenuto qui una settimana di «vacanza» trascorsa insieme a dei nostri amici, ma anche un fastidioso problema che doveva tuttavia essere assolutamente risolto.
Ma andiamo per ordine: mentre eravamo in viaggio per spostarci da Firenze verso il Nord del Paese, il termometro segnava costantemente una temperatura superiore ai 30 gradi.

La ricerca di un posto fresco in cui trascorrere la notte rappresentava una vera e propria impresa. E quando riuscivamo a trovare un posto all'ombra in uno dei villaggi che incontravamo sulla nostra strada, e non dovevamo stare sull'asfalto, provavamo una gioia immensa!


Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.
Piccoli negozi, boschi dalla piacevole aria fresca, villaggi idilliaci: l'Italia settentrionale ha molto da offrire. Fortunatamente anche parcheggi all'ombra per l'Axor.

Una pausa nella pausa.

Una gioia paragonabile a quella che abbiamo provato durante la settimana che abbiamo trascorso in compagnia dei nostri amici nelle vicinanze del Lago di Garda. Dopo così tanto tempo ovviamente avevamo tantissime cose da raccontarci. La settimana trascorsa con loro ha rappresentato una sorta di pausa nella pausa – sempre in compagnia quasi sempre senza sbirciare in Internet – che splendidi ricordi. Per la prima volta dopo quasi tre anni non abbiamo dormito nell'Axor, ma in un letto che con i suoi 1,80 metri di larghezza ci è sembrato enorme. Per preparare il caffè dovevamo fare più di due passi. Ed è proprio in quel momento che ci siamo accorti di quanto ci fossimo già abituati a vivere in spazi ristretti.

Dopo la settimana di «vacanza» siamo nuovamente sfuggiti alla canicola spostandoci in montagna. Aimée è quella che patisce maggiormente le temperature troppo elevate. Ma dopo solo due giorni il nostro idillio in montagna si è concluso bruscamente. Una mattina, quando ci siamo svegliati, ci siamo accorti che dalle fessure del pavimento fuoriusciva dell'acqua!


A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.
A Villa Manin alla fine del diciottesimo secolo è stato scritto un pezzo di storia. Gli eleganti spazi che ancora oggi caratterizzano questo luogo sono una testimonianza di quel tempo. E sotto gli enormi alberi del parco i Kammermann possono momentaneamente trovare refrigerio.

Sulle tracce di Napoleone.

Mike individua subito il problema: una delle linee di saldatura del nostro boiler perde. A malincuore torniamo a valle e ci mettiamo alla ricerca di un saldatore specializzato nella riparazione di strutture in acciaio inossidabile. Nulla di impegnativo, penserete. Ma noi conosciamo pochissime parole in italiano e la persona che si trova dall'altra parte del telefono parla a malapena l'inglese. Facciamo degli altri tentativi, fino a quando finalmente troviamo un'azienda in grado di aiutarci.


Una volta riparato il boiler, per premiarci dopo le faticose ricerche, visitiamo la vicina Villa Manin, un sito che comprende un parcheggio in cui è consentito accamparsi. Il complesso di edifici, il cui stile richiama quello di una villa di campagna, è caratterizzato da una storia secolare.

Qui un tempo viveva l'ultimo doge, il sovrano della Repubblica di Venezia, prima che Napoleone Bonaparte, dopo la conquista della Repubblica di Venezia avvenuta nel 1797, decidesse di soggiornarvi per due mesi, fino alla firma del Trattato di Campoformio.

Ma questa è un'altra storia. Oggi la villa, con i suoi porticati, è circondata da un incantevole parco che si estende per ben 18 ettari e offre specie botaniche rare provenienti da tutto il mondo. Qui respiriamo ancora un po' di aria fresca all'ombra degli alberi e poi proseguiamo con il nostro itinerario.


Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.
Una breve tappa: Lubiana, la capitale della Slovenia, si presenta in tutto il suo fascino. In Ungheria i Kammermann si aspettano di trovare rilassanti panorami e persone tranquille.

Bar affollati a Lubiana.

La prossima tappa in programma è la Romania, anche se inizialmente non sapevamo esattamente come ci saremmo arrivati. Perché i confini dell'Ungheria sono rimasti chiusi per molto tempo. Ma poco prima di entrare in Slovenia abbiamo scoperto che i turisti sono nuovamente ammessi.
Prima di mettere piede in Slovenia ci sono due cose che dobbiamo ancora fare: visitare la città pianificata di Palmanova e sottoporci a un tampone rapido per il Coronavirus in vista dell'attraversamento dei confini.

Con soli 5.000 abitanti, Palmanova è un comune di piccole dimensioni, ma molto affascinante dal punto di vista architettonico. Concepita nel 1593 come fortezza difensiva per la regione del Friuli, la città presenta una pianta a forma di stella a nove punte con un esagono al centro.

La Slovenia è un piccolo Paese e, prima che le disposizioni cambino nuovamente, vorremmo spostarci presto in Ungheria. Per questo motivo abbiamo deciso di fare solo una breve sosta a Lubiana. Il piccolo centro storico, che si sviluppa attorno al tortuoso fiume Ljubljnica, è molto affascinante. Qui siamo passati da una sorpresa all'altra: i ristoranti e i bar erano completamente pieni, c'erano tantissime persone! E della pandemia nessuna traccia.


Il giorno seguente il viaggio verso il confine con l'Ungheria si rivela molto più duro del previsto. Alle 16 attraversiamo finalmente il confine percorrendo l'autostrada a una velocità di 80 km/h. E, tra le altre cose, il tampone rapido si è rivelato inutile – perché alla fine non ce l'ha chiesto nessuno.

Un po' di relax in Ungheria.

A un primo sguardo l'Ungheria non sembrerebbe un Paese difficile da attraversare: ci sono meno segnali di divieto e possiamo muoverci di nuovo più liberamente. Trascorriamo la prima notte ai margini di un parco naturale. La sera un agente della forestale si ferma per dei controlli. Ci chiede se abbiamo intenzione di pernottare qui e ci dà il via libera sollevando amichevolmente il pollice.

Il giorno dopo, poco prima di raggiungere il Lago Balaton, scopriamo una cava di ghiaia abbandonata e decidiamo di accamparci qui, godendoci il posto e la tranquillità che offre. Grazie a questa soluzione, Mike può controllare l'Axor e la cellula abitativa, mentre io posso occuparmi della selezione delle foto e della pulizia dell'attrezzatura fotografica. E ora cosa ci attende? Non ne abbiamo la più pallida idea – ma siamo pronti ad affrontare le prossime avventure!


4-Xtremes – The World Tour.

Un viaggio che non ha confronti.

Andrea e Mike Kammermann sono stati undici mesi in viaggio con il loro Axor nel «4-Xtremes»-Tour. Adesso è in corso di svolgimento un'avventura ancora più grande. Il viaggio della nostra coppia di svizzeri questa volta durerà tre anni – e intendono coinvolgere nuovamente la community delle RoadStars! Rimani sempre aggiornato e non perdere nessuna delle destinazioni straordinarie verso cui la nostra avventurosa coppia è diretta.

Tutte le puntate della serie «4-Xtremes – The World Tour» le trovi qui.


Fotos: 4-Xtremes

11 commenti